Spirito e IO, le 3 differenze principali

di Malvi Commenta

Molto spesso si tende a confondere la nozione di spirito con quella di IO: questo avviene perché si pensa che queste due dimensioni facciano entrambe parte del corpo di un individuo. Ma tra spirito e IO ci sono invece alcune sottili differenze che ci fanno distinguere le due dimensioni facendoci capire che si tratta di cose ben distinte.

1. Se è vero che lo spirito tende ad indentificarsi con l’IO a causa del corpo, è anche vero che si tratta di una identificazione soggettiva e limitata nel tempo. Non possiamo immaginare un IO senza un corpo, mentre possiamo però immaginare uno spirito senza un corpo e, di conseguenza, senza un IO.

2. Lo spirito è diverso dall’IO perché è un ente a sé stante che, fino a quando non trova un corpo con il quale congungersi, si confonde con l’IO perché si identifica con la sua parte transitoria, quella che però tende a svanire nel tempo (è la parte essenziale qualle che conta e che, appunto, differenzia lo spirito dall’IO).

3. Lo spirito si potrebbe definire come un qualcosa di perfetto e completo nella sua totalità mentre l’IO, essendo legato anche alla componente psicologica di ciascuno individuo, è un qualcosa di incompleto che non può dunque essere confuso con lo spirito.

Quando si parla di IO e spirito occorre fare attenzione: non si può affermare che l’uno sia il contrario dell’altro, che uno abbia più importanza dell’altro o che uno sia più grande dell’altro. Spirito e IO sono semplicemente due cose diverse tra loro che non possono essere messe a paragone.

Foto | Thinkstock

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>